Spedizione gratuita

  Rimborso entro 60 giorni

 
   

Gioielli con Diamante

Diamante
In Glamira, i diamanti occupano un posto speciale nella creazione dei gioielli e vengono selezionati seguendo alcuni criteri. Il primo e fondamentale passo nella scelta di un diamante è quello della conformità a comportamenti etici e cioè che le pietre utilizzate in Glamira al 100% non provengono da zone di conflitto. In secondo luogo, Glamira valuta e classifica i diamanti secondo 4 fattori (le 4C in inglese - colore, taglio, purezza e caratura) determinati dal GIA (Istituto Gemmologico d’America). Il colore di un diamante si riferisce alla combinazione di tre componenti: sfumatura, saturazione e tonalità. La scala dei colori per i diamanti spazia dalla lettera D alla Z. Un diamante perfetto, indicato dal colore D, è totalmente incolore. Il colore H è grado di colore più adatto ai fini di un buon rapporto qualità/prezzo e di una migliore armonia con i design. Ecco perché in Glamira vengono generalmente utilizzati i diamanti di colore H. Il taglio del diamante si riferisce alla simmetria, alla proporzione e alla politura di un diamante che vengono regolate durante il processo di taglio della pietra dopo l’estrazione dalla Terra. Tutto questo per ottenere il magnifico riflesso di luce di un diamante. I tipi di taglio sono rappresentati in 5 gradi: Eccellente, Ottimo, Buono, Discreto e Scadente.

D’altro lato, la forma del diamante, che viene generalmente confusa con il taglio del diamante, indica lo stile e il design applicato durante la realizzazione della forma del diamante tramite la politura, quale ad esempio il taglio princess del diamante. I tipi di taglio sono rappresentati in 5 gradi: Eccellente, Ottimo, Buono, Discreto e Scadente. D’altro lato, la forma del diamante, che viene generalmente confusa con il taglio del diamante, indica lo stile e il design applicato durante la realizzazione della forma del diamante tramite la politura, quale ad esempio il taglio princess del diamante. In Glamira, puoi trovare diverse forme di diamanti quali princess, brillante, rotondo, trillion, cushion, cuore, ovale e smeraldo che puoi utilizzare per personalizzare i tuoi gioielli. Poiché sono il risultato del carbonio esposto ad elevatissimo calore e pressione nel profondo della Terra, tutti i diamanti naturali presentano una varietà di tracce interne chiamate ‘inclusioni’ e di caratteristiche esterne chiamate ‘imperfezioni’. La purezza del diamante fa riferimento ad alcuni criteri che valutano la purezza in base al numero di queste tracce, la loro dimensione, rilievo e posizione. Per trovare un rapporto qualità/prezzo ottimale, è importante sapere che inclusioni minuscole nella scala di purezza da VVS1 a SI2 non possono essere rilevate a occhio nudo. Glamira utilizza per i suoi gioielli diamanti corrispondenti ad una purezza di grado VS (very slightly inclusions - piccolissime inclusioni visibili a 10 ingrandimenti). E infine, il carato di un diamante è la misura per determinare la dimensione di un diamante rispetto al suo peso. E’ pari a un quinto di grammo (0.2 g) e un diamante da 1 carato pesa 100 punti.


Glamira crea

gioielli con diamanti

esclusivi per collier, orecchini, gemelli e anelli di fidanzamento e li affida a te affinché tu possa personalizzarli secondo i tuoi gusti. Gli orecchini con diamante includono quelli a goccia, a cerchio e gli orecchini a bottone con diamante sono tra i migliori gioielli che puoi personalizzare come desideri e da indossare per sottolineare lo splendore della tua bellezza. Oppure puoi indossare schegge di stelle intorno al tuo collo sotto forma di collier con diamante. Soprattutto, puoi lasciare che le irresistibili frecce di Cupido con la punta di diamanti si trasformino in anelli di fidanzamento con diamante e colpire la donna speciale della tua vita direttamente al cuore!

Il Diamante, la pietra preziosa più incantevole, è l’unica pietra composta da un solo elemento. La sua struttura chimica è formata solo da carbonio e le molecole di carbonio sono disposte in modo da legarsi l’una all’altra con una perfetta simmetria, in ogni direzione. Il Diamante deve la sua naturale durezza a questa straordinaria struttura atomica. La sua durezza viene rappresentata dalla scala di Mohs con un punteggio pari a 10. E’ così duro che soltanto uno strumento creato con un altro diamante può riuscire a tagliarlo (infatti, il suo nome deriva dal Greco ‘adámas’ che significa indistruttibile o inalterabile). Oltre a questa durezza sorprendente, è anche conosciuto per la sua brillantezza perfetta e per l’elevato indice di dispersione della luce. La sua formazione e il tempo ad essa necessario rende un diamante distinguibile. La maggior parte dei diamanti si forma a circa cento chilometri sotto la superficie della Terra e viene riportata in superficie attraverso eruzioni vulcaniche. In media, sono necessari da 1 a 3,3 miliardi di anni per la formazione di un diamante. I Diamanti vennero trovati ed estratti per la prima volta in India 2400 anni fa e l’India, quindi, fu il primo produttore di diamanti. Oggi vengono estratti in particolare in Sud Africa, India e poi in Brasile, Canada e Australia.


Ai tempi della Grecia e Roma antica, si credeva che i diamanti fossero le lacrime di Dio oppure frammenti di stelle caduti sulla Terra. Il Diamante è stato citato per la prima volta nella letteratura romana nel secolo I d.C. dove si narrava che le punte delle frecce di Cupido fossero ricoperte di diamanti. I diamanti venivano anche indossati come talismani poiché si pensava che avessero il potere di proteggere dal male. Questa credenza ha origine nella mitologia indiana in cui si pensava che i diamanti avessero origine da pietre colpite da fulmini. Poi, nel tredicesimo secolo, una legge in Francia proibì alle persone di indossare diamanti eccetto ai Re e alle Regine. E il primo anello con diamante donato da un uomo ad una donna fu quello regalato dall’Arciduca d’Austria a Maria di Borgogna. Conosciuto come la regina delle pietre preziose e la pietra preziosa delle regine, il diamante viene generalmente associato ad un simbolo di potere, forza, innocenza e incorruttibilità, longevità, costanza e fortuna. E’ anche la pietra portafortuna di aprile ed è la pietra simbolo del 60° anniversario di matrimonio.

Le 4C di un Diamante - STANDARD DI BRILLANTEZZA

Ogni diamante è il risultato di un miracolo che viene alla luce a seconda del tempo, del luogo e del caso. E il fattore chiave per comprendere il valore di un gioiello con diamante è quello di conoscere i criteri di valutazione del diamante stesso - Le 4C che indicano il Carato, il Colore, la Purezza e il Taglio.

1.CARATO

E’ l’unità di peso con cui un diamante viene misurato. 1 carato è un quinto di un grammo (0.2 g). Un diamante di 1 carato pesa 100 punti. L’abbreviazione è Ct.

  • .05

    .05

  • 10

    .10

  • .15

    .15

  • .20

    .20

  • .25

    .25

  • .50

    .50

  • .75

    .75

  • .100

    .100

  • .125

    .125

  • .150

    .150

  • .175

    .175

  • .200

    .200

  • .250

    .250

  • .300

    .300

  • .400

    .400

  • .500

    .500

2.COLORE

E’ la combinazione di 3 elementi: tinta, saturazione e tonalità. La scala graduata dei colori spazia dalla D alla Z. Il colore della maggior parte dei diamanti utilizzati in gioielleria varia dall’incolore fino ad arrivare ad alcune tonalità di giallo. Un diamante perfetto, rappresentato dal colore D, è totalmente incolore.

  • D

    D
  • E

    E
  • F

    F
  • G

    G
  • H

    H
  • J

    J
  • K

    K
  • L

    L
  • M

    M
  • N-O

    N-O
  • P-R

    P-R
  • S-Z

    S-Z

3.PUREZZA

Risultanti da carbonio esposto a calore e pressione estremi nella profondità terrestre, tutti i diamanti naturali presentano una varietà di tracce interne chiamate ‘inclusioni’ e di tracce esterne chiamate ‘imperfezioni’. La purezza si riferisce alla purezza di un diamante e i criteri di valutazione della purezza consistono nel determinare il numero di queste tracce, la loro dimensione, il loro rilievo e la posizione.

  • LC

    LC
  • VVS1

    VVS1
  • VVS2

    VVS2
  • VS1

    VS1
  • VS2

    VS2
  • SI1

    SI1
  • SI2

    SI2
  • P1

    P1
  • P2

    P2
  • P3

    P3

4.TAGLIO

Si riferisce alla simmetria, alla proporzione e alla lucidatura di un diamante che sono messe a punto durante il processo di taglio della pietra dopo che è stata estratta dalla terra. Tutto ciò viene effettuato per dare un magnifico riflesso di luce al diamante. Il taglio si divide in 3 categorie differenti: proporzione, polissaggio e simmetria. La gamma del taglio comprende 5 gradi; Eccellente, Ottimo, Buono, Discreto e Scarso.

  • PROPORZIONI

    PROPORZIONI
  • POLITURA

    POLITURA
  • SIMMETRIA

    SIMMETRIA
  • FORMA

    FORMA